Skip to content Skip to navigation

IL PLURILINGUISMO TRA INNOVAZIONE E SPERIMENTAZIONE. SEMINARIO AL LICEO SCIENTIFICO MARINELLI

Versione stampabilePDF version

Anche quest’anno il nostro Liceo sarà in prima linea nel patrocinare il plurilinguismo, organizzando un seminario per celebrare la ricorrenza del 21 febbraio, data scelta dall'Unesco come Giornata Internazionale della Lingua Madre.

Il seminario di formazione “Il Plurilinguismo tra Innovazione e Sperimentazione” inizierà il 21 febbraio, alle ore 9.00, nell’Aula Magna del Liceo Marinelli, con gli interventi del Dirigente Scolastico Stefano Stefanel e della prof.ssa Adriana Sartor. Nel pomeriggio, dopo l’intervento della prof.ssa Annamaria Curci, alcuni docenti del Liceo Marinelli presenteranno le pratiche di plurilinguismo attive nella nostra scuola. Il 22 febbraio la prof.ssa Sartor concluderà i lavori del seminario con il workshop “Giocare con la lingua: acquisire e apprendere una lingua attraverso la creatività e l’immaginazione”.

In relazione al tema del plurilinguismo, la prof.ssa Patrizia Zin ha preparato un questionario e lo ha somministrato a un campione di nostri studenti per capire quali siano le lingue madri parlate al Marinelli. L’esito di tale ricerca verrà illustrato proprio in occasione del convegno, grazie anche alla collaborazione della Società Filologica Friulana. Il dato che ha maggiormente colpito la docente è che oltre il 60% dei ragazzi dichiara di possedere un livello B e C nella comprensione e oltre il 30% nella produzione orale della Lingua Friulana. “Non è più quindi una lingua per vecchi, come veniva considerata nell’immaginario collettivo. Lo dimostra anche il fatto che i giovani non esitano a usarla con naturalezza tra di loro e anche con gli adulti in situazioni formali e non formali”, commenta meravigliata la prof.ssa Zin. Naturalmente, la finalità dell’analisi non è quella di esaltare il friulano, ma di sottolineare che vivere e crescere in ambienti in cui si parlano più lingue, anche non internazionali, può far ampliare il proprio orizzonte culturale.

 

Destinatari: 
Docenti
Famiglie
Personale ATA
Studenti